luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

7 giugno 2015

Preferire i cereali integrali a quelli raffinati

Pane di cereali integrali
Preferire i cereali integrali a quelli raffinati non significa solo garantirsi fibre, ma anche assumere altre sostanze utili per promuovere la salute, prevenire le malattie e controllare il peso.

Nonostante sia molto diffusa la credenza che si mangino troppe proteine, in realtà sono i farinacei a dominare la dieta della maggioranza degli italiani, in ogni fascia di età. Pasta, riso, pane e altri prodotti da forno non mancano praticamente mai in tavola. E la scelta del consumatore medio tende ancora oggi a ricadere su alimenti a base di cereali “bianchi” o raffinati, per quanto panetterie, negozi e supermercati offrano ormai diverse tipologie di prodotti ottenuti con farine integrali.

Mangiare cereali raffinati non è però una buona abitudine, perché il processo di lavorazione a cui sono sottoposti i chicchi li impoverisce di gran parte del loro capitale nutritivo.

Nell'ambito di un regime alimentare variato, costruito sull'apporto di tutte le categorie di nutrienti, sostituire ai cereali raffinati le rispettive versioni integrali è una decisione salutare sotto diversi punti di vista, che si tratti di frumento, farro, kamut, riso, avena o altro.

Ogni parte del chicco di cereale è utile

Spiga di grano
Tutte le parti del chicco
contengono nutrienti preziosi.

Nei prodotti a base di cereali integrali sono presenti tutti e tre gli elementi originari del chicco: crusca, germe ed endopsperma. La crusca è l'involucro che riveste e protegge il seme da parassiti e altre aggressioni esterne. Contiene soprattutto fibre, minerali (in particolare magnesio, selenio, fosforo, ferro) e vitamine (specialmente quelle del gruppo B). Il germe, che è l'embrione della nuova pianta, racchiude ancora vitamine del gruppo B, vitamina E, grassi polinsaturi, enzimi e amminoacidi essenziali. Rimuovendo sia la crusca che il germe, come avviene nelle fasi della lavorazione da cui si ottiene la farina bianca, non resta che l'endosperma, la riserva energetica destinata ad apportare nutrienti alla futura giovane pianta, costituito principalmente da amido.

Chitosano - Una fibra naturale contro l'accumulo di grassi

Tutti i benefici per la salute dei cereali integrali

Cuore sano grazie ai cereali integrali
I cereali integrali
salvaguardano il cuore.
  • Preservano la salute del cuore

    Le fibre, che abbondano nei cereali integrali, riducono l'assorbimento del colesterolo alimentare e favoriscono la regolarizzazione del profilo lipidico, ostacolando la formazione di depositi nelle arterie, che possono ostruire questi vasi e provocare patologie gravi come infarto e ictus. Alla sinergia tra fibre, vitamine, minerali, carotenoidi e fitonutrienti presenti nelle farine integrali si deve inoltre un contributo alla salute in senso più ampio e profondo: una ricerca apparsa su JAMA Internal Medicine ha dimostrato che il consumo di cereali integrali si associa a una riduzione della mortalità per tutte le cause, oltre a proteggere elettivamente cuore e vasi sanguigni.
  • Prevengono la stitichezza

    Mangiare alimenti ricchi di fibre, come i cereali integrali, stimola la funzionalità dell'intestino e contrasta la stitichezza, impedendo che la tendenza alla pigrizia intestinale evolva in stipsi cronica. Spesso il ricorso a lassativi naturali può essere rimandato o evitato del tutto se si attinge abitualmente a frumento, avena, orzo, segale, miglio, kamut, farro e riso integrali.
  • Aiutano a controllare la glicemia

    Rispetto a pane, pasta e riso "bianchi" i cereali integrali hanno un impatto minore sulla glicemia: grazie alla crusca che avvolge il seme, gli enzimi coinvolti nel metabolismo dei carboidrati impiegano infatti più tempo per raggiungere la parte amidacea e innescare il processo di conversione dell'amido in glucosio. Viene così agevolato il controllo della produzione di insulina, fondamentale per prevenire il diabete di tipo 2 e diverse altre patologie.
Bilancia per verificare il sovrappeso
I cereali integrali aumentano il senso
di sazietà e aiutano a dimagrire.
  • Facilitano il dimagrimento

    Il potere saziante di un piatto di pasta integrale rispetto a una porzione equivalente di pasta raffinata è di gran lunga superiore. I cereali integrali inoltre richiedono una masticazione prolungata, che porta a mangiare più lentamente, con effetti regolatori dell'appetito e del peso corporeo. Per queste ragioni, oltre che per la ridotta risposta insulinemica discussa al punto precedente, preferire i cereali integrali rispetto a quelli "bianchi" è una delle strategie migliori per consumare carboidrati senza ingrassare.
PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Cereali integrali, ma nel rispetto della varietà
I cereali integrali sono tra gli alimenti più ricchi di magnesio
Le alternative ai fiocchi di cereali industriali e ad altri cibi falsamente sani
PER SAPERNE ANCORA DI PIU'
La Cucina IntegraleLiliana Buonfino
Tecniche Nuove Edizioni
Ricette Buone & Naturali
Autori Vari
Tecniche Nuove Edizioni
I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Penne di Farro Integrale
Essiccazione lenta - trafilatura al bronzo
Probios Alimenti
Riso Nerone Integrale - 500 gr
Ideale per insalate di riso, contorni, piatti etnici
Probios Alimenti

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+