luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

22 marzo 2012

Come scegliere una scuola di naturopatia - II parte

A scuola di naturopatia
Chi vuole studiare naturopatia ha necessità di orientarsi nell'ampia offerta formativa italiana. Questi sono i suggerimenti su come scegliere una scuola di naturopatia ed evitare passi falsi.

Dopo la prima parte dell'articolo Come scegliere una scuola di naturopatia, proseguiamo e concludiamo qui l'elenco dei criteri con cui decidere a quale delle tante scuole di naturopatia esistenti dare la preferenza.

6) Non pagate quello che non vi serve


Non fatevi abbagliare da specchietti per le allodole, come riconoscimenti stranieri, o comunque da elementi di scarsissima utilità, quali patrocini di Regioni, Provincie e Comuni oppure certificazioni di qualità.
I riconoscimenti stranieri non valgono assolutamente nulla e chi sostiene che, iscrivendovi al registro della tal nazione estera a cui la scuola è affiliata, sarete riconosciuti o comunque più tutelati in Italia come naturopati vi sta ingannando. Ad oggi, anche i naturopati stranieri, persino quelli diplomati in stati dove la figura sia riconosciuta dall'ordinamento giuridico, possono lavorare in Italia solamente alle stesse identiche condizioni dei naturopati italiani e non a quelle del paese di provenienza: un heilpraktiker in Germania fa quasi il medico, in Italia incorrerebbe nel reato di abuso di professione.

Il Codice della Guarigione di Alexander Loyd e Ben Johnson

Le varie certificazioni di qualità (come l'ISO 9001), invece, non sono in grado di misurare la serietà di una scuola o, meglio, quella degli insegnamenti che impartisce: queste certificazioni – in Italia ancora oggi largamente da migliorare e soggette a critiche da più parti - attestano la qualità del processo produttivo, ma non quella del prodotto. La differenza è sostanziale: un processo verificabile e certificato può essere utilizzato persino per produrre prodotti (ovvero corsi e lezioni) scadenti.
Infine, ignorate bellamente chi vi promette che vi rilascerà al termine del percorso di studi il titolo di naturopata. La professione del naturopata in Italia, almeno fino a oggi, non è regolamentata, ovvero può essere esercitata liberamente da chiunque, perché non esistono titoli abilitanti. Sotto questo profilo, l'attestato rilasciato dalla scuola di naturopatia più prestigiosa e di vecchia data vale tanto quanto quello rilasciato dalla scuola più scalcinata. Ovvero niente.

7) Chiedete quanti ex studenti della scuola lavorano oggi come naturopati


Domandate alla scuola di mettervi in contatto con suoi ex studenti (che ovviamente abbiano dato il proprio consenso; ma se la scuola è seria deve aver pensato a rendere concreta tale possibilità) e andateli a trovare e a scambiare due chiacchiere con loro. Chiedete loro qual è il divario che hanno verificato tra la formazione impartita e la realtà lavorativa che si sono trovati ad affrontare.

8) Usate internet


Per documentarsi, la rete è una risorsa strepitosa per chi la sa utilizzare con buon senso: cercate on line - ad esempio nei forum (chiaramente non quello della scuola che state valutando) o su facebook - studenti e soprattutto ex studenti che vi raccontino la loro esperienza e confermino quanto vi ha detto la scuola. Non accontentavi di un loro post (chi ci sarà dall'altra parte del monitor?): chiedete gentilmente se sono disponibili per due chiacchiere telefoniche o meglio ancora di persona.

9) Informatevi sugli insegnanti


Qual è il curriculum dei docenti e dove può esserne presa visione? Hanno pubblicato libri o altro? Scrivono per internet? Hanno un loro sito? Ed è di qualità o sembra "fatto in casa"? E, soprattutto, qual è la loro esperienza in naturopatia? Molte scuole infatti vantano un numero elevato di docenti medici o psicologi, ma di per sé non significa alcunché, anzi può essere controproducente: un medico specializzato in ortopedia piuttosto che in ginecologia, senza alcuna esperienza in naturopatia o almeno in medicina naturale, non vi serve.

10) Andate sul posto


Con telefono, mail e internet si arriva ormai ovunque, ma, se ne avete la possibilità, recatevi di persona nella scuola: non c' è niente di meglio di una sensazione "a pelle" data da persone e luoghi. Chiedete di visitare le aule e le altre strutture. Scoprite che modalità e sussidi vengono utilizzati per:
- le lezioni: slide in powerpoint, lucidi, DVD ecc.
- le esercitazioni (indispensabili): se vengono messi a disposizione strumenti e attrezzature come iridoscopi, lettini ecc. Verificate che ce ne siano in numero sufficiente per tutti gli allievi del corso e, se la scuola opera in più città, in tutte le sedi
- il vostro studio: vi verranno fornite dispense ad hoc per ogni singolo corso? Fatevele mostrare, per evitare che siano quattro cose in croce fotocopiate da chissà dove
- gli esami: sono a quiz, risposta sintetica, orali o pratici? Con che frequenza ci sono gli appelli? E se venite bocciati cosa succede?

11) Frequentate una lezione


Chiedete alla scuola di assistere a qualche ora di una lezione o, ancora meglio, di due, una del primo anno e una del terzo: ne approfitterete per parlare con gli studenti, chiedendo loro se, negli anni di corso dal primo al terzo, si è ridotto e di quanto il numero di studenti che frequentano la scuola. Qualche abbandono non significa niente (anzi può essere indice di una certa serietà d'insegnamento), ma tanti abbandoni sono un pessimo segno.

Tutto il resto offerto da una scuola probabilmente non è essenziale e soprattutto vi dovrebbe insospettire se manca quanto sopra.

Dal momento che la concorrenza tra scuole è piuttosto forte, ancor più in questi tempi di crisi, un istituto dovrebbe avere tutto l'interesse a “convincere” i potenziali studenti della sua bontà. Se la scuola quindi adduce scuse o motivazioni vaghe per non accogliere le suddette o altre vostre richieste (ragionevoli, ovvio), verosimilmente c'è qualcosa sotto e avrete già i primi elementi importanti per fare una scelta.

Una volta verificati tutti i punti di questa check list, scegliete la scuola di naturopatia che soddisfi il più alto numero di parametri.

Non siate impulsivi, prendetevi tempo: eviterete di sprecarne dopo e risparmierete soldi.

In bocca al lupo.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Come scegliere una scuola di naturopatia - I parte
Come utilizzare la naturopatia: il video di Luca Avoledo
Cos'è la naturopatia e chi è il naturopata: l'intervista al dr. Avoledo
Approfondimento sulla naturopatia
FAQ naturopatia

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Introduzione alla NaturopatiaAnna Melai, Catia Trevisani
Enea Edizioni
Nutrizione in NaturopatiaLuca Pennisi
Tecniche Nuove Edizioni

I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Audiocorso di Introduzione alla Naturopatia + CDCatia Trevisani

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+