luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

25 ottobre 2012

Afte: le risposte della fitoterapia

Donna che soffre di afte in bocca
Possono interessare le gengive, la lingua e la parte interna di guance e labbra, trasformando ogni pasto in un piccolo incubo. Ecco quali efficaci risposte alle afte propone la fitoterapia.

L'esperienza di un'afta in bocca non è così rara e soprattutto è riconoscibilissima per il bruciore e il disagio che provoca. Ci sono tuttavia casi in cui le odiate vescicole sono un fenomeno occasionale e situazioni dove invece compaiono un po' troppo spesso.

I rimedi naturali per le afte in bocca
Le erbe più adatte contro le afte.

Se vi identificate in questo secondo quadro sappiate che episodi frequenti di afte possono essere la spia di intolleranze alimentari e che individuare e gestire queste ultime consente a molte persone di risolvere il problema dell'aftosi recidivante.

Quando invece sono un evento sporadico, non mancano rimedi naturali efficaci per combattere le afte, soprattutto nell'ambito della fitoterapia. Tra le tante risorse abbiamo selezionato quelle in grado di produrre buoni risultati in breve tempo.

1) La malva (Malva sylvestris) è ricca di mucillagini, flavonoidi e antocianosidi, principi attivi che esercitano un'azione antinfiammatoria e blandamente analgesica sulle mucose. Uno dei modi migliori per beneficiare delle proprietà della malva è preparare un macerato a freddo, con cui effettuare sciacqui orali nell'arco della giornata. Il dosaggio è di un cucchiaio di foglie e fiori di Malva sylvestris per tazza d'acqua. Trovate le istruzioni su come preparare un macerato a freddo nel filmato apposito presente nella sezione "Erboristeria" de "I video del dr. Avoledo".

2) L'altea (Althaea officinalis) è un'altra erba con spiccate doti antiflogistiche ed emollienti. Come la malva, l'altea contiene mucillagini, che a contatto con l'acqua formano una pellicola in grado di lenire irritazioni e ferite. Anche in questo caso una delle preparazioni più idonee è il macerato a freddo. La parte dell'altea più ricca di mucillagini è la radice, che si utilizza sminuzzata alla dose di un cucchiaio per tazza d'acqua.

3) La propoli, sostanza elaborata dalle api a partire dalla resina di alcune piante, è un potente antisettico e cicatrizzante naturale. La propoli esiste anche in comode formulazioni liquide senz'alcol (perfette, quindi, per queste piccole ulcere), con cui eseguire toccature sull'afta con un cotton fioc più volte al giorno.

Miele di Manuka

4) Il miele di manuka (Leptospermum scoparium) è un altro prodotto dell'alveare di interesse notevolissimo, che può essere proficuamente impiegato nel trattamento naturale delle afte, grazie alle sue proprietà cicatrizzanti, antinfiammatorie e persino antibatteriche. Trovate tutte le informazioni d'uso e i prodotti più efficaci nell'articolo che abbiamo specificamente dedicato al miele di manuka.

5) L'olio essenziale di mirra (Commiphora myrrha) agisce come analgesico e disinfettante. Se ne possono versare 5 gocce in un bicchiere d'acqua tiepida, con cui fare sciacqui orali un paio di volte al giorno.

6) Un preparato a base di gel di aloe (Aloe vera o Aloe barbadensis), che ha attività antinfiammatoria e riparatrice, applicato sull'afta più volte al giorno, forma anche una barriera protettiva che attutisce il contatto del cibo con le lesioni e ne accelera la regressione.

7) Volete un rimedio naturale lenitivo ancora più pratico e a buon mercato? Premete sull'afta una semplice bustina di tè per circa 10 minuti: i tannini che contiene agevoleranno la guarigione dell'ulcera.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Che fastidio queste afte: cosa può fare la naturopatia?
Il miele di manuka per le ferite
Herpes labiale: i rimedi naturali per combatterlo

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
FitoterapiaJean Valnet
Giunti Edizioni

I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Propoli Bio30 - Liquido
Manuka Health
Miele di Manuka Mgo250 - Activ Aloe Gel - 250 gr
Manuka Health
Mirra - Olio Essenziale Puro - 5 ml
Essenthya - Oli Essenziali professionali
Aloe Gel da Pura Foglia Fresca
Aloe Bio Gobino

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+