luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

20 giugno 2013

Mal di testa e intolleranze alimentari

Donna con emicrania si massaggia la testa
In tanti casi in cui la cefalea periodicamente si ripresenta e gli analgesici riescono solo ad attutire il dolore, senza risolvere, è utile indagare il legame tra mal di testa e intolleranze alimentari.

La cefalea nelle sue varie forme (in primo luogo emicrania, cefalea tensiva e cefalea a grappolo) interessa in modo ricorrente ben due milioni di italiani. Colpisce di più il sesso femminile e ha un picco di incidenza tra i 25 e i 50 anni.

Molte persone perseguitate dal mal di testa si accorgono da sole di trovare sollievo nella limitazione di alcuni cibi, ma, se si sottopongono a un test per le allergie, i risultati in genere sono negativi.

Accanto alle allergie, che sono mediate dal coinvolgimento di anticorpi quali le immunoglobuline E, esistono tuttavia fenomeni di ipersensibilità alimentare differenti e che i test tradizionali non rilevano. Perché il cibo è davvero in grado di scatenare reazioni infiammatorie, sostenendo disturbi estremamente eterogenei, tra cui il mal di testa, che costituisce in questi casi il segnale, inviato dal corpo, che "la misura è colma", che la capacità di compensazione dell'organismo è stata oltrepassata e che è arrivato il momento di introdurre qualche correttivo nella dieta.

Il test per le intolleranze alimentari

Un intervento causalista, che spenga la miccia che fa esplodere emicrania e altre cefalee, passa allora attraverso il contenimento dell'infiammazione da cibo.

Ma quando sospettare che il mal di testa possa nascondere un'intolleranza alimentare? Se gli specialisti consultati hanno escluso una causa organica o comunque specifica all'origine della cefalea e l'unica prospettiva sono gli antidolorifici a vita, ha senso verificare con un test per le intolleranze quale ruolo possa giocare l'alimentazione.

In caso di ipersensibilità alimentari la strategia non deve comunque essere l'eliminazione degli alimenti risultati positivi al test per le intolleranze, bensì l'impostazione di un piano individualizzato di rotazione infrasettimanale dei cibi, che tolga "carburante" ai fenomeni infiammatori e, attraverso la reintroduzione graduale degli alimenti critici, riabitui l'organismo a considerare questi stessi alimenti come "amici", consentendogli di recuperare la tolleranza perduta.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Intolleranze alimentari: i sintomi e i disturbi che provocano
Come scoprire e superare le intolleranze alimentari
Come risolvere le intolleranze alimentari
I test per le intolleranze alimentari affidabili
Mal di testa: gli integratori alimentari che funzionano
Per il mal di testa, partenio e zenzero

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Mal di Testa, Cure e Terapie Naturali - LibroRamón Roselló, Pepe Landázuri
Macro Edizioni
Intolleranze AlimentariAttilio Speciani, Francesca Speciani
Rizzoli

I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Test DRIA per le intolleranze alimentari Puoi effettuarlo presso

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+