luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

12 giugno 2013

Prevenire e contrastare l'Alzheimer con le vitamine B

Uomo anziano che soffre di morbo di Alzheimer
Esistono soluzioni non farmacologiche utili nel rallentare la progressione di diverse forme di demenza. In particolare le vitamine B aiutano a prevenire e contrastare l'Alzheimer.

Sottolineiamo spesso il ruolo delle vitamine del gruppo B in ogni fase della vita e a maggior ragione se gli anni non sono più verdissimi, dal momento che questi nutrienti offrono un valido sostegno per potenziare la memoria e contrastare il decadimento cognitivo legato all'età.

Il meccanismo attraverso il quale le vitamine B, e nello specifico la vitamina B6 (piridossina), la B9 (acido folico) e la B12 (cobalamina), concorrono a migliorare la funzionalità cerebrale e a limitare i danni indotti dall'invecchiamento è collegato alla riduzione dei livelli di omocisteina nel sangue. Valori elevati di questo amminoacido - non rari nelle persone con più di 65 anni - non solo sono responsabili di alto rischio cardiovascolare, ma rappresentano anche uno dei principali fattori predisponenti al decadimento cognitivo e in particolare all'Alzheimer.

Lavorando su queste premesse, una ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences ha dimostrato che in soggetti con diagnosi di deficit cognitivo lieve (identificato come fase preclinica della demenza e indicatore di probabile sviluppo di Alzheimer) integrazioni quotidiane di vitamina B6, acido folico e vitamina B12 rallentano il processo degenerativo e riducono addirittura del 70% l'atrofia nelle aree cerebrali interessate da questa malattia.

Ginkgo biloba

I dosaggi quotidiani di vitamine B utilizzati nella sperimentazione corrispondono a 20 milligrammi di vitamina B6, 800 microgrammi di acido folico e 500 microgrammi di vitamina B12. Si tratta di apporti che la dieta è ben lontana dal fornire, ma che un buon complesso vitaminico riesce ad assicurare (per approfondire, fate riferimento all'articolo Integratori di vitamine le dosi efficaci).

Il ricorso ragionato a supplementazioni di vitamine B si rivela quindi una risorsa non farmacologica documentatamente efficace per ridurre la gravità di diverse forme di demenza, malattia di Alzheimer inclusa.

L'ennesima conferma scientifica che gli integratori, se impiegati come rimedi complementari a uno stile di vita corretto e a un'alimentazione varia e ben bilanciata, contribuiscono in modo deciso al mantenimento e alla promozione della salute, del cervello e non solo.

Questo è ancor più vero, ovviamente, in assenza di quadri patologici conclamati: per restare in tema, le vitamine del gruppo B sono preziose per il buon funzionamento generale del sistema nervoso e offrono un aiuto importante in caso di stress, ansia, affaticamento mentale, stanchezza fisica, umore depresso.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Cure naturali per prevenire e rallentare l'Alzheimer
Alzheimer: gli omega 3 riducono il rischio
Vitamina D, demenza e Alzheimer
Gingko biloba, una pianta utile anche contro l'Alzheimer
Il fungo medicinale Hericium erinaceus nell'Alzheimer
Il segreto per una buona memoria e una mente lucida
Per la memoria vitamine e minerali antiossidanti
Vitamine per rinforzare il cervello
La vitamina E allunga la vita agli uomini anziani
Vitamine del gruppo B: approfondiamo l'argomento

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Come Prevenire la Perdita di Memoria e l'AlzheimerPatrick Holford
Vallardi

I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Vitamina B Complex 50 - NiacinaNatural Point
B9 400 Acido Folico - 70 Capsule Natural Point
B12 - Cianocobalamina - 100 Capsule Natural Point

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+