luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

18 dicembre 2014

Trigliceridi alti: 3 cose che puoi fare per abbassarli

Ciambelle con granelli di zucchero
Gli esami del sangue hanno evidenziato un'ipertrigliceridemia e fatto scattare un allarme per la salute cardiovascolare? Ecco tre cose da fare subito per abbassare i trigliceridi.

Valori di trigliceridi superiori alla norma, soprattutto se protratti nel tempo e associati a un'alterazione del giusto rapporto tra colesterolo totale e colesterolo "buono" HDL indicano che è il caso di intervenire a tutela della salute dell'apparato cardiocircolatorio. I trigliceridi elevati sono infatti un fattore di rischio di malattie cardiovascolari come infarto, ictus e aterosclerosi.

Per ridurre i trigliceridi e proteggere cuore e arterie queste sono tre efficaci soluzioni naturali, non di carattere farmacologico.

1. Meno carboidrati nell'alimentazione

Piatto di pasta al pomodoro
Ridurre la pasta aiuta
ad abbassare i trigliceridi.

Una delle principali cause di ipertrigliceridemia è una dieta sbilanciata a favore di dolci, pane, pasta, riso e altri cereali, soprattutto se raffinati. Quando il consumo di zuccheri supera le necessità energetiche dell'organismo, i glucidi in eccesso vengono convertiti in trigliceridi dal fegato. Per abbassare i trigliceridi è importante diminuire l'introito di carboidrati e privilegiare i cereali integrali ai farinacei “bianchi”, all'interno di un regime alimentare che contempli anche le fibre alimentari provenienti da frutta, verdura e semi oleosi e limiti al massimo gli alcolici, che anche in modica quantità fanno aumentare il livello dei trigliceridi nel sangue. Le ricerche provano che ridurre i carboidrati (più che tagliare i grassi) aiuta anche a perdere i chili superflui, rimuovendo così un altro fattore di rischio cardiovascolare.

2. Più spazio agli omega 3


L'impiego di acidi grassi omega 3 è di grande supporto nel normalizzare il profilo lipidico. Un recente studio condotto su persone con ipertrigliceridemia severa e apparso sul Journal of clinical lipidology ha documentato che assumere integratori di omega 3 contenenti acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) al dosaggio di 2-4 grammi al giorno abbassa i valori dei trigliceridi del 25-30%.

Omega-3 QUALITÀ EPAX® - Un prodotto puro, stabile e di qualità per un corretto equilibrio alimentare

Ci si può aiutare anche a tavola, incrementando il consumo di specie di pesce ricche di omega 3, crostacei, frutta in guscio.

3. Via libera alle vitamine giuste


Due vitamine, in particolare, sono in grado di riequilibrare i valori dei trigliceridi. La prima è la vitamina C, di cui abbiamo parlato altrove a proposito della sua capacità di ridurre il colesterolo "cattivo" LDL e di innalzare il colesterolo "buono" HDL. L'assunzione di 500 milligrammi al giorno di vitamina C produce un calo dei livelli di trigliceridi già nel giro di un mese. Per effetti ancora più decisi si può aggiungere un integratore di niacina (vitamina B3): persino più spiccatamente dell'acido ascorbico la niacina abbassa i trigliceridi e migliora il profilo lipidico, sebbene normalmente richieda dosaggi più alti di quelli previsti dalla maggioranza dei prodotti in commercio e confrontabili con quelli riportati nell'articolo dedicato agli integratori di vitamine.
PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Il consumo di kiwi aiuta ad abbassare i trigliceridi
E per ridurre il colesterolo gli alimenti giusti sono questi
Dislipidemie, alimentazione e rimedi naturali
PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Colesterolo e TrigliceridiGiuseppe Sangiorgi Cellini, Annamaria Toti
Giunti Demetra

Come Prevenire e Guarire le Malattie Cardiache con l'Alimentazione - LibroCaldwell B. Esselstyn
Macro Edizioni
I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Amocamu - Vitamina C
Complemento alimentare di Vitamina C
Vegetal Progress
B3 100 - Niacina - 100 Capsule
Integratore alimentare a base di Vitamina B3
Natural Point

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+