luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

7 marzo 2015

Come prevenire il cancro al seno: la guida definitiva

Donna che sa come prevenire il cancro al seno
Un terzo dei casi di tumore alla mammella potrebbe essere evitato. L'alimentazione ha un ruolo centrale per prevenire il cancro al seno e un aiuto viene anche da specifici rimedi naturali.

Il carcinoma della mammella colpisce una donna su otto e resta uno dei tumori più temuti, sebbene le moderne tecniche di diagnosi precoce abbiano ampliato le possibilità di guarigione e oggi si possa contare su trattamenti meno invasivi di quelli utilizzati fino a qualche decennio fa.

Come per altre neoplasie, ridurre il rischio di ammalarsi di cancro al seno è un obiettivo raggiungibile e dipende in gran parte dalle scelte di stile di vita messe in campo ogni giorno.

Oltre tre tumori al seno su dieci possono essere scongiurati grazie all'alimentazione e a una serie di corretti comportamenti quotidiani.

Con questa guida che riporta le attenzioni necessarie a tavola e i rimedi naturali più indicati ogni donna può agire in prima persona e fare tanto per difendersi dal carcinoma mammario.

Dieta e prevenzione del cancro al seno: gli alimenti da limitare

  • Dolci e prodotti da forno raffinati

    Il rapido impennarsi della glicemia conseguente all'ingestione di dolci e prodotti (pasta, pane ecc.) ottenuti da farine “bianche” provoca un'ipersecrezione di insulina. Quest'ormone, fondamentale per il metabolismo degli zuccheri, stimola la produzione da parte del fegato di una sostanza chiamata IGF-1 (insulin-like growth factor 1, ovvero fattore di crescita insulino-simile), nota anche come somatomedina C. L'IGF-1 promuove la crescita cellulare ed è direttamente implicato, quando a livelli elevati, nell'insorgenza e nell'invasività di numerose neoplasie. Se è dimostrato che una dieta ad alto indice glicemico aumenta il rischio di cancro al seno, sostituire al pane e alla pasta raffinati i loro omologhi integrali, ricchi di fibre, ha viceversa un effetto protettivo.
    Bottiglia di vino rosso
    Evitare di bere alcol per
    difendersi dal cancro al seno.
  • Vino, birra, liquori e superalcolici

    Confinare il vino e gli altri alcolici a ricorrenze speciali è una delle prime regole da seguire per difendersi dal tumore al seno. Non è questione di gradi e non sono solo whisky e vodka a essere pericolosi: il consumo di alcol, in tutte le sue forme e anche in modiche quantità, espone maggiormente al rischio di tumore alla mammella, perché incrementa la quantità di estrogeni circolanti. Bere anche un solo bicchiere di vino al giorno innalza il rischio di cancro al seno dell'8%, mentre con 3-4 bicchieri quotidiani le probabilità di sviluppare questa neoplasia possono aumentare del 40%.
  • Latte e derivati

    Latte, yogurt, formaggi andrebbero consumati con parsimonia e scelti tra i prodotti biologici. Questi alimenti contengono naturalmente estrogeni e fattori di crescita (incluso il già citato IGF-1) che tendono a favorire patologie ormonodipendenti come la maggior parte dei tumori al seno, ma anche quelli delle ovaie e del testicolo e il carcinoma della prostata. Se il cancro al seno è già in atto ridurre i latticini è ancora più importante: uno studio pubblicato sul Journal of the National Cancer Insitute e condotto su quasi 2.000 donne affette da carcinoma mammario ha verificato che basta consumare una porzione di latte o latticini al giorno per aumentare del 50% la mortalità a causa della malattia e incrementare il rischio di recidiva.

I cibi che aiutano a prevenire il cancro al seno

    Cavoletti di Bruxelles, cibo contro il cancro
    I cavoletti di Bruxelles
    hanno proprietà anticancro.
  • Broccoli, cavoli, semi di lino, sesamo

    Le verdure appartenenti alla famiglia delle brassicacee o crucifere (broccoli, cavolfiori, cavoli e simili) hanno documentate proprietà anticancro, efficaci anche contro il tumore al seno. Il merito è sia del sulforafano, di cui abbiamo parlato diffusamente nell'articolo sui broccoli, sia dei lignani. Questi fitocomposti, che abbondano anche nell'olio di semi di lino e nei semi di sesamo, contribuiscono a prevenire e contrastare il cancro della mammella, perché modulano l'azione degli estrogeni e ostacolano la moltiplicazione delle cellule tumorali. Per ridurre il rischio di cancro al seno è opportuno consumare 100-150 grammi di crucifere tre-quattro volte alla settimana, aggiungere spesso i semi di sesamo all'insalata e utilizzare abitualmente l'olio di semi di lino a crudo per condire.
  • Frutta e verdura

    Alle crucifere va riservato un posto d'onore, ma in generale verdura e frutta sono tra gli alimenti più preziosi per difendersi da tante malattie degenerative, incluso il cancro al seno. Ormai si sa per certo che mangiare sette porzioni al giorno di vegetali freschi fornisce la quantità di vitamine, minerali e altri composti antiossidanti che risulta efficace per prevenire diverse neoplasie e allo stesso tempo diminuire il rischio di morte per tutte le altre cause. Servirsi ogni volta di frutti e ortaggi di colori differenti massimizza i vantaggi, dal momento che i diversi pigmenti responsabili della colorazione di frutta e verdura corrispondono a specifiche sostanze benefiche o ne attestano la presenza.

  • Soia

    Apprezzata in quanto interessante fonte di proteine vegetali, la soia è un cibo utile in tante problematiche femminili, come i disturbi legati alla menopausa e la sindrome premestruale. Gli isoflavoni contenuti in cibi come tofu, tempeh, fagioli di soia esplicano un'attività armonizzatrice dell'assetto ormonale femminile, dal momento che vanno a occupare i recettori degli estrogeni sulla superficie delle cellule e a modulare così l'attività di questi ormoni. Benché in passato la soia sia stata sospettata di favorire il cancro al seno proprio per questa azione ormonosimile, lavori più recenti dimostrano esattamente il contrario: il consumo regolare di alimenti a base di soia aiuta a proteggersi dal tumore mammario.
  • Tè verde

    I principi attivi del tè verde esplicano una potente azione antiossidante e contemporaneamente inibiscono la formazione di nuovi vasi sanguigni (angiogenesi), un processo che, quando diventa patologico, è implicato direttamente nello sviluppo del cancro. Sorseggiare anche solo un paio di tazze di tè verde al giorno permette già di potenziare le difese contro il cancro al seno.

I rimedi naturali utili nella prevenzione del cancro al seno

    Scarpe da corsa
    Muoversi di più
    per prevenire il tumore al seno.
  • Attività fisica

    Non c'è niente di così naturale come il movimento. E' la soluzione più semplice e una delle più benefiche, non solo contro il cancro al seno. Il movimento allunga letteralmente la vita e può essere considerato davvero un "passepartout" per la salute. Nello specifico, un ampio studio apparso sul Journal of the American Medical Association ha dimostrato che una semplice camminata a passo svelto di mezz'ora per cinque giorni alla settimana porta già a ridurre del 18% il rischio di cancro al seno. Si possono ricavare analoghi benefici da tutte le attività motorie di tipo aerobico: andare in bicicletta, fare jogging, nuotare, ballare.

Formula Multivitaminica

Un buon multivitaminico e multiminerale, che contenga selenio e vitamina D, ma anche vitamina C, vitamina E, carotenoidi e zinco a dosaggi realmente efficaci, può costituire una valida scelta per potenziare le difese dell'organismo, contro il cancro al seno e non solo.
PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Il cancro al seno si previene con una dieta ricca di fibra
Contro il cancro è benefica la frutta secca
Più fibre e meno zuccheri per ridurre il rischio di cancro
Gli integratori di vitamine riducono il rischio di cancro
PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Prevenire i Tumori Mangiando con Gusto - LibroAnna Villarini, Giovanni Allegro
Pickwic
La Prevenzione del CancroBruno Brigo
Tecniche Nuove Edizioni
I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Verde Gunpowder - Tè
Tè verde a infusione - antiossidante
L'aromateca
Olio di Semi di Lino
Ottenuto dalla spremitura dei semi di lino bio
Fior di Loto
D300 con Vitamina D3
70 Capsule
Natural Point

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+