luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

10 settembre 2015

Coenzima Q10, l'antiossidante per il cuore

Cuore sano per merito del coenzima Q10
Fondamentale per la funzionalità cardiaca, il coenzima Q10 (CoQ10) ha proprietà antiossidanti che aiutano a prevenire e controllare tante malattie del cuore.

Il coenzima Q10 o ubichinone è una sostanza liposolubile presente naturalmente nel corpo e particolarmente concentrata nel cuore, nonché in altri organi ad alto dispendio energetico, come fegato e reni.

In questo articolo esaminiamo:
  • le principali proprietà e funzioni del coenzima Q10
  • le fonti alimentari di coenzima Q10
  • le circostanze in cui sono utili gli integratori di coenzima Q10 per la salute del cuore
  • le controindicazioni, gli effetti collaterali e i dosaggi del coenzima Q10 in ambito cardiovascolare.

  • Il coenzima Q10: funzioni e proprietà


    Il ruolo più importante del coenzima Q10 è quello di agevolare il processo di rigenerazione di ATP o adenosina trifosfato (la principale sorgente energetica dell'organismo) da parte dei mitocondri, gli organelli da cui dipende la produzione dell'energia indispensabile per la vita cellulare. Proprio l'abbondante presenza di mitocondri, ricchi di coenzima Q10, conferisce al muscolo cardiaco la potenza necessaria a contrarsi circa 100.000 volte al giorno, per fare arrivare sangue ossigenato e sostanze nutritive a tutti i tessuti.

    Contemporaneamente il coenzima Q10 agisce da antiossidante. Per quanto concerne gli aspetti cardiovascolari, ostacola in particolare l'ossidazione delle particelle LDL (il colesterolo "cattivo"), proteggendo quindi da malattie come aterosclerosi, infarto e ictus.

    Fonti alimentari di coenzima Q10

    La carne è una buona fonte di coenzima Q10
    Più carne in tavola per
    evitare carenze di coenzima Q10.

    Il corpo è in grado di sintetizzare autonomamente coenzima Q10 a partire dall'amminoacido tirosina e con il contributo di diverse vitamine e minerali. Ma il CoQ10 è contenuto in discreta quantità anche in alcuni alimenti, come la carne (soprattutto manzo, maiale e frattaglie di pollo), il pesce (in particolare salmone, sardine, sgombro), semi oleaginosi quali arachidi, pistacchi, sesamo e, in misura minore, alcune verdure, come broccoli e spinaci.

    Quando ricorrere a integratori di coenzima Q10 per il cuore


    Un'integrazione di coenzima Q10 è in genere opportuna negli anziani, sia perché la produzione endogena di questa sostanza tende a diminuire con l'età (addirittura già dopo la quarta decade di vita), sia perché le persone avanti negli anni seguono spesso una dieta povera e monotona, sia infine perché il rischio cardiovascolare aumenta con l'invecchiamento.

    Ci sono poi specifici farmaci che fanno perdere al corpo CoQ10.

    L'assunzione di statine, medicinali largamente impiegati per ridurre i valori del colesterolo, rappresenta una delle cause più frequenti di deplezione di coenzima Q10.

    Anche la terapia con betabloccanti, molecole prescritte per abbassare la pressione arteriosa, può intaccare le scorte di ubichinone.

    In entrambi i casi è importante reintegrare una sostanza che è cruciale per la salute del cuore e che cure farmacologiche finalizzate proprio a diminuire la vulnerabilità alle malattie cardiovascolari finiscono paradossalmente per sottrarre all'organismo.

    inoltre una supplementazione di coenzima Q10 dovrebbe essere valutata sia per prevenire che per meglio trattare diversi stati di sofferenza cardiaca conclamata. E' dimostrato infatti che l'utilizzo di coenzima Q10 non solo tutela e rinforza il cuore in condizioni fisiologiche, ma rallenta anche la progressione di malattie cardiovascolari in atto.

    Coenzima Q10

    Nello specifico, quelli che seguono sono i disturbi e gli obiettivi di salute cardiovascolare per cui è utile assumere coenzima Q10, ai dosaggi di volta in volta indicati.

  • Per la prevenzione cardiovascolare di base

  • Superati i 40 anni e soprattutto in caso di familiarità per patologie cardiovascolari, è suggerita l'assunzione quotidiana di almeno 90 milligrammi di coenzima Q10 per rinforzare il cuore e aiutare a prevenire ictus e infarto.

  • Se si assumono statine o betabloccanti

  • Per ristabilire adeguati livelli di coenzima Q10, depauperati dalle terapie a base di statine o betabloccanti, il consiglio è prendere 100-200 milligrammi al giorno di coenzima Q10 sin tanto che si è in cura con questi farmaci.
    Compresse di coenzima Q10 per il cuore
    Per ogni condizione ci sono
    giusti dosaggi di coenzima Q10.

  • Per abbassare la pressione arteriosa

  • Chi soffre di ipertensione può trarre beneficio da un'integrazione di coenzima Q10 al dosaggio di almeno 180-200 milligrammi giornalieri. I primi risultati si apprezzano in genere dopo 4-5 settimane dall'inizio del trattamento. Grazie al coenzima Q10 e sotto la supervisione del medico è anche possibile in diverse circostanze ridurre i dosaggi del trattamento antipertensivo in atto, perché l'ubichinone tende a potenziare gli effetti di alcuni farmaci per la pressione.

  • Se si soffre di coronaropatia

  • L'assunzione di 150 milligrammi di coenzima Q10 al giorno ha dimostrato di ridurre lo stress ossidativo, principale causa di lesione dell'endotelio, il rivestimento interno dei vasi sanguigni, e migliorare il decorso della malattia coronarica.

  • In caso di scompenso cardiaco

  • Come sostegno del trattamento dell'insufficienza cardiaca congestizia o scompenso cardiaco il dosaggio è compreso tra 300 e 600 milligrammi di coenzima Q10 al giorno. E' meglio iniziare con l'assunzione di 180 milligrammi di ubichinone al dì, per poi aumentare gradatamente il dosaggio nell'arco di tre-quattro settimane.

  • Prima e dopo interventi chirurgici al cuore

  • Diverse ricerche, tra cui una metanalisi pubblicata pochi mesi fa, hanno documentato che la somministrazione di coenzima Q10 nelle settimane precedenti e successive a interventi chirurgici al cuore riduce il rischio di complicanze e rende la prognosi più favorevole. Il dosaggio va modulato caso per caso ed è in genere compreso tra 100 e 300 milligrammi di coenzima Q10 al giorno.

    Poiché si tratta di una sostanza liposolubile, è meglio assumere gli integratori alimentari di coenzima Q10 ai pasti.

    Se è visto inoltre che suddividere il dosaggio appropriato in due-tre somministrazioni giornaliere ottimizza la concentrazione di coenzima Q10 nel sangue.

    Controindicazioni, interazioni ed effetti collaterali del coenzima Q10

    Prendere visione delle controindicazioni di coenzima Q10
    Poche le cautele da considerare
    prima di assumere coenzima Q10.

    In genere il coenzima Q10 è un rimedio naturale sicuro e ben tollerato anche a dosaggi significativi e senza controindicazioni degne di nota.

    Per quanto riguarda le interazioni farmacologiche del coenzima Q10, questa sostanza sotto forma di integratore può interferire con gli anticoagulanti, come il warfarin, di cui diminuisce l'effetto, e con diversi antipertensivi, dei quali invece può rafforzare l'azione, come già accennato.

    Gli eventuali effetti collaterali del CoQ10 si limitano a fastidi gastrointestinali di norma lievi, quali diminuzione dell'appetito e nausea.
    PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
    Ginkgo, la pianta per il benessere cardiocircolatorio
    Più aglio in tavola per la salute cardiovascolare
    Fare le scale proteggere il cuore
    Le ore di sonno che servono al tuo cuore
    Tre soluzioni naturali per la pressione alta
    10 modi per difendersi dall'ictus
    PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
    The Sinatra Solution - Rinforza il tuo Cuore con la Cardiologia Metabolica Stephen T. Sinatra
    Macro Edizioni
    La Salute del CuoreDeborah Ascheim, Robert Ascheim
    Tecniche Nuove Edizioni
    I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
    Super Q10
    60 capsule vegetali gastroprotette
    Algovit
    Coenzima Q10 - 60 Capsule
    60 capsule
    Natural Point

    RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
    GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
    La newsletter di Luca Avoledo
    I TUOI COMMENTI
    Commenta con Facebook
    Commenta con Google+