luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

29 luglio 2016

Le cure naturali per l'osteoporosi

Donna che cura naturalmente l'osteoporosi
Prima che siano indispensabili misure farmacologiche a tutela delle ossa fragili, si può preservare la solidità dello scheletro grazie ad apposite cure naturali per l'osteoporosi.

L'osteoporosi è una condizione dovuta alla graduale perdita di massa ossea, con conseguente aumento delle probabilità di subire fratture. La rarefazione ossea è più frequente nelle donne dopo la menopausa e in una certa misura è una conseguenza fisiologica del progredire dell'età.

Esistono cure naturali che offrono un sostegno importante per prevenire e contrastare l'osteoporosi e che spesso rappresentare una risorsa in grado di ritardare la necessità dei medicinali o di migliorarne gli effetti.

Un approccio che apprezzo particolarmente contempla specifici vitamine e minerali efficaci nel salvaguardare l'integrità delle ossa:
  • calcio
  • vitamina D
  • magnesio
  • vitamina K
  • silicio

  • Analizziamo l'utilità di ciascuna di queste sostanze per la solidità dello scheletro e i loro dosaggi nell'ambito di un protocollo naturale contro l'osteoporosi.

    Calcio


    Ossa forti
    Come rinforzare le ossa.
    L'integrazione di calcio è il trattamento tradizionale di prima linea contro l'osteoporosi.

    La supplementazione di questo minerale aiuta a rallentare la perdita di tessuto osseo, soprattutto nelle donne dopo la menopausa, ma oggi sappiamo che per concretizzare i benefici basta un dosaggio inferiore a quanto generalmente consigliato fino a poco tempo fa. Un eccesso di calcio si associa all'aumento del rischio cardiovascolare e nel tempo può addirittura rendere le ossa più fragili.

    L'integrazione di questo minerale resta tendenzialmente opportuna per rallentare il processo osteoporotico, in primo luogo là dove la dieta sia povera di alimenti ad alto contenuto di calcio.

    Di solito sono sufficienti supplementazioni giornaliere di calcio comprese tra 500 e 700 milligrammi, preferibilmente suddivisi in due somministrazioni al dì.

    Le formulazioni di calcio a più elevato assorbimento sono quelle contenenti calcio in forma organica, come il calcio bisglicinato o anche il calcio citrato, che sono per giunta meglio tollerati in caso di fastidi digestivi rispetto al più diffuso calcio carbonato.

    Vitamina D


    Il fondamentale contributo della vitamina D alla fissazione del calcio nel tessuto osseo è forse la caratteristica maggiormente conosciuta di questo micronutriente, che possiede peraltro proprietà benefiche decisamente più ampie, sfaccettate e verificate.

    La vitamina D stimola l'assorbimento del calcio attraverso la mucosa intestinale e la sua deposizione nelle ossa. Il mantenimento di adeguati livelli di vitamina D incide direttamente sia sulla densità della massa ossea, sia sul metabolismo dell'osso, processo in cui il riassorbimento del vecchio tessuto si alterna al complementare processo di costruzione di nuovo materiale osseo.

    Calcio citrato + vitamina D3

    Gli integratori di vitamina D sono particolarmente economici, sicuri e privi di effetti collaterali. Il dosaggio opportuno per prevenire e meglio controllare l'osteoporosi si attesta di norma intorno a 2.000 UI giornaliere, per un periodo che non dovrebbe essere inferiore ai sei-otto mesi continuativi (da ottobre a maggio, quando diminuisce l'intensità della radiazione solare e il supporto indispensabile della luce affinché il corpo sintetizzi vitamina D).

    Magnesio


    Il magnesio è importante almeno quanto il calcio per la densità ossea: uno studio su un gruppo di donne in menopausa affette da osteoporosi ha dimostrato che l'assunzione quotidiana di 1.800 milligrammi di magnesio attenua la perdita di tessuto osseo già nel giro di un mese.

    Nonostante il contributo accertato di questo minerale alla solidità dello scheletro, l'integrazione di magnesio continua a essere scarsamente consigliata dalla medicina convenzionale nella prevenzione e nel trattamento dell'osteoporosi. Dovrebbe contemplare una supplementazione di magnesio soprattutto chi prende calcio, per consentire il necessario equilibrio tra i valori dei due minerali.

    L'articolo sulle proprietà del magnesio specifica le formulazioni in cui questo nutriente risulta più biodisponibile e che suggerisco di privilegiare.

    Vitamina K


    Compresse di vitamina K per le ossa
    Anche la vitamina K è utile
    alla salute delle ossa.
    E' una vitamina liposolubile che esiste principalmente in due forme: la vitamina K1 (di origine vegetale, assunta con la dieta), che è coinvolta nella coagulazione del sangue, e la vitamina K2 (prodotta dalla flora batterica intestinale), implicata nel processo di mineralizzazione ossea.

    Carenze di questo micronutriente sono associate a un più alto rischio di osteoporosi e fratture, mentre alcuni studi preliminari documentano che la supplementazione di vitamina K influenza positivamente parametri legati al metabolismo dell'osso.

    Reperibile sotto forma di integratore in capsule, anche associata a calcio e vitamina D, la vitamina K2 si assume di norma a un dosaggio quotidiano compreso tra 50 e 100 microgrammi.

    Silicio


    Presente nel corpo in piccole quantità, il silicio partecipa in modo diretto al processo di mineralizzazione, innanzitutto grazie alla sua capacità di sollecitare la formazione del collagene, la proteina che costituisce la matrice su cui si depositano i minerali e che conferisce elasticità alle ossa.


    Una formulazione di silicio altamente e facilmente assimilabile dall'organismo è il silicio organico, privo di tossicità, compatibile con eventuali trattamenti concomitanti e in genere commercializzato in forma liquida. Per preservare la solidità delle ossa e rallentare il processo di rarefazione, la posologia di silicio organico può arrivare anche a 20-30 millilitri due-tre volte al giorno, avendo cura di trattenere il liquido in bocca per un paio di minuti prima di ingerirlo.

    Meno biodisiponibile ma comunque efficace come sostegno naturale alla formazione dell'osso è il silicio contenuto nell'equiseto (Equisetum arvense), pianta erbacea che cresce spontanea in ambienti umidi. A scopo rimineralizzante contro l'osteoporosi si utilizzano in genere estratti secchi di equiseto titolati in silicio appunto, alla dose di 2-3 capsule o compresse da 500 milligrammi al giorno.

    L'equiseto è controindicato in caso di disturbi renali e sul lungo periodo può impoverire il corpo di vitamina B1 (tiamina). Nel caso si consideri un trattamento prolungato con questo fitoterapico potrebbe essere opportuno ricorrere contemporaneamente a un integratore di vitamina B1.
    PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
    Silicio ed equiseto rimineralizzanti naturali
    La cura naturale più efficace per rinforzare le ossa
    Più soia in tavola per l'osteoporosi
    Il sole aiuta a prevenire l'osteoporosi
    PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
    Osteoporosi senza Medicine
    Alice Savorelli, Paolo Giordo
    Terra Nuova Edizioni
    Osteoporosi
    Philip Keros
    Macro Edizioni
    I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
    Vitasorb D
    Integratore alimentare di Vitamina D
    Natur
    Maglife - Magnesio
    Magnesio altamente biodisponibile
    Natural Point
    Silicio - Silicium G5 Siliplant
    Silicio organico
    Silicium

    RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
    GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
    La newsletter di Luca Avoledo
    I TUOI COMMENTI
    Commenta con Facebook
    Commenta con Google+