luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

31 marzo 2017

Prevenire l'osteoporosi in modo naturale

Le sardine sono ricche di calcio e fanno bene alle ossa
Conservare più a lungo la salute delle ossa e prevenire l'osteoporosi in modo naturale è possibile, grazie a specifici miglioramenti della dieta e dello stile di vita.

L'osteoporosi è un processo in parte fisiologico, legato all'avanzare dell'età. La progressiva perdita di densità ossea interessa prevalentemente (ma non esclusivamente) le donne dopo la menopausa, quando diminuisce la produzione degli estrogeni e quindi decade l'effetto protettivo che questi ormoni sessuali esercitano sulla struttura dell'osso.

Prima che siano necessari i farmaci, è possibile tutelare la salute delle ossa e prevenire l'osteoporosi in modo naturale, con il giusto stile di vita e adeguati comportamenti alimentari.

Scelte oculate a tavola e abitudini corrette costituiscono risorse spesso sottovalutate, ma invece in grado di contribuire direttamente a salvaguardare la solidità dello scheletro, offrire protezione verso il rischio di fratture, arginare dolori scheletrici che l'osteoporosi conclamata può comportare.

La strategia naturale per la salute delle ossa


Donna senza osteoporosi
Puoi fare molto per le tue ossa.
Queste soluzioni naturali aiutano a preservare l'integrità dello scheletro, prevenendo l'osteoporosi, e a contrastare la depauperazione della massa ossea quando a malattia è già in atto.


  1. Mangiare piccoli pesci (interi)

    Sardine, alici, latterini e altri piccoli pesci, consumati interi e con la loro lisca, sono ottime fonti alimentari di calcio, il minerale più rappresentato all'interno delle ossa e primo responsabile della loro compattezza.

    Queste specie ittiche contengono inoltre buone concentrazioni di vitamina D, il micronutriente grazie al quale viene regolato l'assorbimento intestinale del calcio e il suo metabolismo osseo, oltre che di acidi grassi omega 3, una classe di lipidi particolarmente benefici che hanno dimostrato di influire positivamente anche sulla salute dell'osso.

  2. Consumare soia

    Gli alimenti a base di soia offrono un supporto significativo alla prevenzione dell'osteoporosi. La soia racchiude fitoestrogeni della classe degli isoflavoni, sostanze vegetali che ritardano la rarefazione ossea, promuovendo la formazione di nuovo tessuto e ostacolando il complementare processo di distruzione del vecchio materiale osseo, in modo per certi versi analogo, benché più blando, ai bifosfonati, i farmaci più utilizzati per curare l'osteoporosi.

    Tofu, tempeh, edamame, fagioli tali e quali, miso andrebbero introdotti frequentemente in una dieta amica delle ossa e preferiti ad "hamburger", "polpette" o altri prodotti ottenuti dalla soia attraverso procedimenti di lavorazione industriale, che prevedono in genere anche conservanti e additivi vari.

  3. La soia è tipicamente una coltura OGM. Per evitare l'acquisto di prodotti geneticamente modificati si può scegliere soia da agricoltura biologica.

  4. Assumere un integratore di magnesio

    Anche il magnesio concorre a preservare la robustezza delle ossa, con un ruolo che è complementare a quello del calcio. Carenze di questo minerale sono peraltro associate a una maggiore vulnerabilità all'osteoporosi.

    Assicurarsi un buon introito di cibi ricchi di magnesio è sicuramente consigliabile per proteggere le ossa. Quando però ci siano già i primi di segni di osteoporosi, è preferibile l'impiego di un buon integratore alimentare di magnesio, privilegiando le formulazioni più facilmente assimilabili.

  5. Fare regolarmente attività fisica

    Non è solo un modo per mantenere il più a lungo possibile l'integrità delle ossa: l'esercizio fisico rappresenta una vera e propria cura naturale per l'osteoporosi già in atto. Muoversi stimola infatti la generazione di nuovo tessuto osseo e rallenta il fenomeno della demineralizzazione, che con l'età tende a diventare via via più pronunciato.

    Chi cammina a passo sostenuto almeno mezz'ora al giorno tutti i giorni, prende le scale ogni volta che sia possibile, utilizza la bicicletta al posto dell'auto è già a buon punto nella prevenzione dell'osteoporosi. Un'attività fisica più intensa, calibrata sulla situazione complessiva della persona, può ottenere risultati ancora più significativi sul rimodellamento dell'osso.

  6. Smettere di fumare

    La donna che fuma è più a rischio di osteoporosi
    Se elimini il fumo, proteggi le ossa.
    Tra i tanti danni che i veleni nascosti nelle sigarette provocano alla salute c'è anche l'aumento del rischio di osteoporosi. L'abitudine al fumo accelera la perdita di massa ossea, attraverso meccanismi che coinvolgono tra l'altro una disregolazione nella sintesi degli ormoni sessuali e un'alterazione nell'assorbimento del calcio.

    Rinunciare al fumo, in più, aiuta a ritardare la menopausa, la fase della vita di una donna in cui le ossa tendono a diventare più fragili.

Calcio citrato + vitamina D3

Quando necessario, queste misure per conservare ossa forti possono essere integrate e affiancate dall'impiego di appositi rimedi naturali utili per prevenire e controllare l'osteoporosi.
PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Prendere il sole per ridurre il rischio di osteoporosi
Osteoporosi: quando il calcio è troppo
Equiseto e silicio per le ossa fragili
PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Osteoporosi senza Medicine
Alice Savorelli, Paolo Giordo
Terra Nuova Edizioni
Osteoporosi
Philip Keros
Macro Edizioni
I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Filetti di Acciughe all'Olio Extravergine di Oliva Bio
Da pesca sostenibile
Fish 4 Ever
Soia Gialla
Da agricoltura biologica
Probios Alimenti

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+