luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

19 agosto 2017

Proprietà e benefici della melanzana contro radicali liberi e cancro

Melanzane
Le proprietà e i benefici della melanzana contro i radicali liberi e il cancro basterebbero a incoraggiare un consumo più frequente di questa verdura, alleata della salute anche per altre ragioni.

Non è solo un ortaggio buono e versatile in cucina: la melanzana è anche una miniera di potenti antiossidanti, capaci di esercitare un'azione protettiva e preventiva nei confronti di alcune malattie degenerative, tra cui il cancro.

Le due sostanze più benefiche che trovi nelle melanzane


Le melanzane contengono significative concentrazioni di acido clorogenico e nasunina, due molecole marcatamente attive contro i radicali liberi, e quindi in grado di contrastare lo stress ossidativo che sappiamo essere coinvolto in fenomeni come invecchiamento, infiammazione, aumento del rischio di cancro, predisposizione a malattie cardiovascolari e molto altro.

Wplants antiossidante naturale

La nasunina, in particolare, è un antocianina, un pigmento appartenente alla famiglia dei flavonoidi, che insieme ad altri composti affini impartisce alla melanzana il suo colore caratteristico.

Le ricerche suggeriscono non solo che la nasunina della melanzana è dotata di spiccate proprietà antiossidanti, ma persino che è capace di esercitare una specifica azione di inibizione dell'angiogenesi (lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni), un processo implicato in diverse patologie, tra cui in primo luogo il cancro.

Le melanzane hanno proprietà anti-radicali liberi e rappresentano un alimento da introdurre nella dieta per ridurre il rischio di ammalarsi di cancro, grazie in particolare alle buone quantità di un fitonutriente antiossidante quale la nasunina.

La cerchia degli alimenti contenenti nasunina è molto limitata e la melanzana è la fonte naturale migliore di questa preziosa sostanza. Dal momento che la nasunina è abbondante soprattutto nella buccia, è consigliabile evitare di pelare la melanzane prima di consumarle, come d'altronde bisognerebbe fare ogni volta che sia possibile con la frutta e la verdura.

Gli altri pregi salutistici delle melanzane


Melanzane grigliate anticancro
Melanzane, più spesso in tavola.
Al netto dei suoi effetti antiossidanti, la melanzana è un ortaggio ricco di fibra solubile (in particolare di pectina) e offre anche un interessante apporto di potassio, un minerale che soprattutto nei mesi caldi è importante assicurarsi di reintegrare per compensare le perdite dovute alla sudorazione e arginare il rischio di disturbi come capogiri, spossatezza e cali di concentrazione, crampi, sbalzi pressori.

Questo vegetale è inoltre caratterizzato da un bassissimo indice glicemico (IG 15) e merita spazio nella dieta anche per prevenire e meglio gestire disturbi quali innanzitutto sovrappeso e diabete.

Oltre ad avere proprietà protettive nei confronti di alcune patologie legate allo stress ossidativo, la melanzana possiede altre qualità nutrizionali, tra cui un buon capitale di fibre e di potassio.

Come scegliere le melanzane migliori e più salutari? Meglio preferire gli esemplari sodi al tatto e con la buccia di colore viola scuro, indice in genere di un'abbondante quantità di antiossidanti.
PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Vuoi un'altra verdura anticancro? Scegli i broccoli
Gli 8 supercibi che fanno bene alla salute e allungano la vita
Mangia integrale per proteggerti dal cancro
Le fibre nella dieta aiutano a ridurre il rischio di cancro al fegato
Gli integratori di vitamine che concorrono a difenderti dal cancro
Il lapacho è davvero un rimedio naturale anticancro?
PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
I Colori della Salute Fabio Firenzuoli
Tecniche Nuove Edizioni
Verdure: salute e benessere a tavola
Maria Zugnoni
Slow Food Editore
I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Semi di Melanzana Violetta Lunga - 1 gr - BU024
Da agricoltura biologica
Arcoiris - Sementi biologiche e biodinamiche
Crema di Melanzane
Crema vegetale spalmabile biologica
La Madre Terra

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+