luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

13 aprile 2015

Lo zucchero di canna fa male?

Zucchero di canna
Lo zucchero bianco ricavato dalla barbabietola è il dolcificante più utilizzato in Europa. Gli contende il primato lo zucchero di canna, che molti credono faccia meno male. E' proprio così?

Lo zucchero di canna gode di una reputazione migliore rispetto al comune zucchero bianco estratto dalla barbabietola. Chi è attento alla forma è convinto che lo zucchero di canna abbia ricadute più "leggere" sulla linea, mentre chi, in senso più ampio e al di là del conto delle calorie, si preoccupa della propria salute ritiene che il suo profilo nutrizionale sia superiore rispetto a quello dello zucchero di barbabietola.

Zucchero di canna e zucchero di barbabietola


Sfatiamo subito un luogo comune: come lo zucchero di barbabietola, anche lo zucchero di canna è saccarosio, un disaccaride, cioè un carboidrato formato da due molecole, una di fruttosio e una di glucosio.

Non c'è nessuna differenza tra zucchero di barbabietola e zucchero di canna per ciò che concerne la struttura chimica, le calorie e l'impatto metabolico sull'organismo, tessuto adiposo compreso (zucchero di barbabietola e zucchero di canna hanno anche indice glicemico identico).

La buona fama dello zucchero di canna si deve in gran parte all'opinione, assai diffusa, che sia un alimento integrale. In realtà, quello che in genere si trova in commercio o al bar, in bustina e sfuso, è un prodotto raffinato, in cui la materia prima ha subito profonde lavorazioni ed è stata trattata con sostanze chimiche, analogamente a quanto avviene per lo zucchero di barbabietola.

Nopal Biologico - Un alleato prezioso per il controllo del peso

Non è tutto. Il colore in genere ambrato dello zucchero di canna (dovuto ad alcune impurezze residue, che vengono mantenute perché aromaticamente gradevoli) spesso è volutamente accentuato tramite l'aggiunta di un colorante (il caramello ammoniacale, noto anche come E 150), in modo da dare al prodotto un aspetto meno "lavorato".

Insomma, lo zucchero di canna non ha alcun pregio in più rispetto allo zucchero bianco di barbabietola.

Lo zucchero di canna integrale


Zucchero di canna integrale
Zucchero di canna integrale.
Semmai si potrebbe discutere delle eventuali virtù dello zucchero di canna integrale, che si riconosce rispetto al più comune zucchero di canna raffinato per i granelli di forma e dimensioni non omogenee e che non si separano facilmente tra loro, nonché per il colore tendente al bruno e poco uniforme, con granuli più scuri di altri.

In merito alle proprietà nutrizionali dello zucchero di canna integrale, è vero che questo alimento non ha subito un processo di raffinazione e mantiene inalterate le sostanze originarie. Ma la quantità di zucchero che bisognerebbe assumere affinché i suoi enzimi, vitamine (sostanzialmente alcune vitamine del gruppo B) e minerali (soprattutto potassio, calcio e, in misura minore, magnesio) si traducano in un beneficio effettivo per l'organismo sarebbe così ingente da provocare danni alla salute di gran lunga superiori ai vantaggi.
COME DOLCIFICARE IN MODO SANO - GUARDA IL VIDEO
Il dr. Avoledo illustra su La7 pro e contro dello zucchero di canna e degli altri dolcificanti.

Un esempio? 100 grammi di zucchero di canna integrale contengono circa 130 milligrammi di potassio. Un record rispetto allo zucchero bianco, che non ne contiene affatto. Ma, se pensiamo che l'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di assumere giornalmente più di 3.000 milligrammi di potassio, perché lo zucchero possa rappresentare un alimento nutrizionalmente interessante sotto questo profilo dovremmo mangiarne oltre 2 chili al giorno.


Veniamo allora alle conclusioni di questo articolo dedicato allo zucchero di canna.

Pregi dello zucchero di canna


Nessuno. Lo zucchero di canna è del tutto assimilabile allo zucchero bianco ricavato dalla barbabietola. Mentre lo zucchero di canna integrale - che tra l'altro non è molto diffuso - non presenta un contenuto di principi nutritivi tale da incidere positivamente sulla salute dell'organismo.

Difetti dello zucchero di canna


Come tutti gli zuccheri semplici, anche lo zucchero di canna - integrale o raffinato - innesca quel circolo vizioso, fatto di picchi glicemici e interventi compensatori dell'insulina, che apre le porte al diabete, al sovrappeso e a tanti altri squilibri metabolici.

E' consigliabile consumare zucchero di canna?


Decisamente no, né zucchero di canna raffinato, né integrale. Esistono alternative ben più sane, come il miele di manuka, che, per quanto abbia anch'esso un alto indice glicemico da farne suggerire il consumo moderato, almeno possiede davvero anche proprietà benefiche, oppure la stevia. La soluzione che preferiamo è però quella di non dolcificare affatto. Ed è più semplice di quel che sembra: ecco come eliminare facilmente lo zucchero dalla dieta.
PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
I dolcificanti non fanno dimagrire ma ingrassare
Più fibre e meno zuccheri per ridurre il rischio di cancro al fegato
La cannella abbassa glicemia, pressione e peso
Rimedi naturali per regolare la glicemia
Alimentazione: i luoghi comuni da sfatare
5 alimenti che pensi siano sani e invece non lo sono
PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Sugar Blues. Il mal di zuccheroWilliam Dufty
Macro Edizioni
Il Dolce VelenoKlaus Oberbeil
Tecniche Nuove Edizioni
I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Miele di Manuka MGO 30+
Disponibile in confezione da 250 e 500 grammi
Manuka Health
Stesweet - Stevia - 50 Bustine
Stevia è un sostituto naturale dello zucchero
Stesweet

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+