luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

9 maggio 2013

Camminare per combattere colesterolo alto, ipertensione e diabete

Tre donne di schiena che camminano
Prevenire alcune tra le malattie più diffuse non è un privilegio degli sportivi. Basta camminare regolarmente a passo sostenuto per combattere colesterolo alto, ipertensione e diabete.

Insieme alla sana alimentazione, il movimento è uno degli strumenti che più efficacemente concorre a mantenerci in forma e in salute. A vincere le resistenze dei più pigri e soprattutto a incoraggiare chi non si sente portato per sport impegnativi o non può praticarli provvede una recente indagine apparsa su Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology, la rivista dell'American Heart Association.

Lo studio confronta le ricadute di corsa e camminata veloce sul rischio di ipertensione, ipercolesterolemia e diabete, prendendo in considerazione circa 33.000 persone dedite alla corsa e quasi 16.000 "camminatori", in un arco temporale di 6 anni.

E' stato verificato che l'intensità dell'esercizio non è determinante: camminare e correre hanno effetti sovrapponibili nel ridurre le probabilità di sviluppare patologie come il diabete, l'ipertensione e, più in generale, le malattie cardiovascolari, posto che sia uguale il dispendio energetico. Ovviamente, per consumare la stessa quantità di energie, alla camminata è necessario dedicare un tempo maggiore (sotto questo profilo, tre quarti d'ora di corsa equivalgono indicativamente a un'ora e mezza di camminata veloce).

Equilibrio Colesterolo

Dai risultati della ricerca emerge addirittura che i vantaggi di un'attività fisica moderata, come è il camminare, sono persino superiori rispetto ai benefici derivanti da sforzi muscolari più intensi, quali quelli richiesti dalla corsa. Il rischio di ipercolesterolemia (ovvero di alti livelli di colesterolo nel sangue) e di ipertensione si abbassa infatti del 7% negli appassionati della passeggiata veloce, contro il 4% registrato negli individui che praticano la corsa. Camminare e correre hanno invece lo stesso impatto sulla suscettibilità al diabete, che in entrambi i casi diminuisce del 12%.

Il dato centrale che si ricava da questo studio è quindi che camminare fa bene al cuore e alle arterie e protegge dal diabete quanto se non più della corsa. Un'ottima notizia, considerato che la passeggiata veloce è un esercizio che la stragrande maggioranza di noi si può permettere, praticamente a tutte le età e in ogni momento dell'anno.

Se poi vi serve qualche altro incentivo per sfidare l'inerzia, scorrete gli articoli della sottostante sezione "Per approfondire l'argomento" e scoprite tutti i benefici del camminare. Qualche anticipazione? Passeggiare di buon passo aiuta a migliorare la funzionalità dell'intestino, a prevenire l'osteoporosi e ad allontanare lo spettro della depressione, senza contare che è uno degli accorgimenti fondamentali per dimagrire. L'importante è usare qualche accortezza e imparare a camminare nel modo giusto.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
3 anni di vita in più con 20 minuti di passeggiata al giorno
Quanto camminare al giorno
L'elisir di lunga vita e piena salute: muoversi
7 ottime ragioni per fare attività fisica
7 modi facili e divertenti di fare attività fisica senza andare in palestra
Fare le scale fa bene
La vitamina C riduce il colesterolo
Colesterolo, alimentazione e rimedi naturali
3 metodi per abbassare naturalmente la pressione
Ridurre il rischio di ictus grazie alle fibre
La meditazione protegge dalle malattie cardiovascolari
Frutta secca benefica contro le patologie cardiocircolatorie
La cannella contrasta diabete e ipertensione
10 cose facili che puoi fare subito per migliorare la tua salute

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
La Camminata VeloceDieter Grabbe
Punto d'Incontro
L'arte del CamminareLuca Gianotti
Edicicloeditore

I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Camminare Bene + DVDMaurizio Damilano
Walking Debbie Rocker

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+