luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

27 marzo 2014

Le proprietà medicinali del carciofo

Fiore di carciofo con foglie
Impiegato come rimedio fitoterapico riduce il colesterolo, depura il fegato, agevola la funzione intestinale. Ecco come assumere il carciofo per valorizzare le sue proprietà medicinali.

In ambito alimentare sono i fiori del carciofo ad essere protagonisti: l'ortaggio che portiamo in tavola corrisponde infatti all'infiorescenza di questa pianta perenne appartenente alla famiglia della Asteracee (o Composite). La fitoterapia impiega invece le foglie, ricche di sostanze a cui si devono le proprietà medicinali del carciofo.

I principi attivi del carciofo - soprattutto acido clorogenico, da cui deriva la più nota cinarina, e flavonoidi - promuovono la secrezione della bile da parte del fegato (il carciofo è per questo definito un coleretico), favorendo l'eliminazione del colesterolo in eccesso e la digestione dei grassi. Gli effetti ipocolesterolemizzanti del carciofo comprendono anche la capacità di inibire un enzima (la HMG-CoA reduttasi) che partecipa alla sintesi del colesterolo, secondo un meccanismo di azione analogo a quello sfruttato dalle statine, i principali farmaci utilizzati contro l'ipercolesterolemia.

Poiché si comporta da agente lipotropo (ovvero che mobilizza i lipidi), aumenta il flusso biliare e riduce il colesterolo, il carciofo si rivela un rimedio naturale da tenere in considerazione anche per arginare la steatosi epatica o fegato grasso, una condizione caratterizzata dall'accumulo di grassi nel fegato, che può danneggiare le sue cellule e addirittura degenerare in cirrosi epatica. In queste circostanze può essere valutata l'assunzione del carciofo anche insieme al cardo mariano (Silybum marianum), una pianta dalle dimostrate virtù epatoprotettrici.

Carciofo

Il carciofo è inoltre di grande aiuto in comuni disturbi digestivi, tra cui la digestione lenta e difficile o accompagnata da gonfiore addominale, mentre l'attività lievemente lassativa del carciofo fa di questo fitoterapico un complemento a una dieta ricca di fibre e al movimento fisico, nei casi in cui sia necessario stimolare l'intestino pigro (leggete l'articolo dedicato alla soluzione più semplice contro la stitichezza).

Il carciofo ha poi proprietà diuretiche e drenanti, che rendono questa pianta indicata anche quando sia necessario contrastare ritenzione idrica e cellulite, soprattutto se in sinergia con altri fitoterapici dalle analoghe qualità, come pilosella (Hieracium pilosella), betulla (Betula pendula), gramigna (Elytrigia repens, anche nota con il precedente nome di Agropyron repens).

Le foglie del carciofo, pulite e tritate o frullate, tornano utili anche in cucina, per preparare risotti e vellutate insieme all'infiorescenza (comunemente chiamata "cuore") e alle brattee (le foglie modificate che la racchiudono) meno coriacee. Dal momento che proprio nelle foglie si concentrano le sostanze terapeuticamente preziose del carciofo, sarebbe davvero uno spreco scartarle.

Per un trattamento continuativo privilegiate tuttavia formulazioni specifiche, come le capsule di estratto secco di carciofo titolato e standardizzato in acidi caffeilchinici o anche le preparazioni liquide a base del succo di carciofo fresco.

Ai dosaggi usualmente suggeriti il carciofo è una pianta sicura, priva di controindicazioni e che non provoca effetti collaterali. Può ovviamente interagire con i farmaci ipolipemizzanti, amplificandone gli effetti.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Gli alimenti che abbassano il colesterolo
Abbassare il colesterolo con l'alimentazione e i rimedi naturali
Una tisana depurativa
A ogni disturbo digestivo il suo rimedio naturale
La vitamina per il benessere del fegato

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Dizionario di Fitoterapia e Piante MedicinaliEnrica Campanini
Tecniche Nuove Edizioni

I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Succo di Carciofo Salus
Liposan Forte 100% Naturale - Colesterolo Salugea
Phyto Depura - Integratore in BustineBios Line

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+