luca avoledo
GLI ULTIMI ARTICOLI

6 maggio 2016

Quanto è varia la tua alimentazione?

Cibi e alimenti vari
Quanto è varia e completa la nostra alimentazione? In realtà mangiamo sempre gli stessi cibi, complici un marketing che non perdona e una certa pigrizia mentale.

Nonostante la disponibilità di alimenti oggigiorno in commercio sia a prima vista molto ampia la nostra dieta è improntata alla monotonia e alla ripetitività.

Una varietà alimentare solo apparente


E' raro che tra gli scaffali del supermercato ci capiti di esplorare settori diversi dai soliti. Più frequentemente ci ritroviamo a "pescare" gli stessi cibi, negli stessi posti, in maniera quasi automatica.

Dieta monotona
Il rischio di essere ripetitivi quando si fa la spesa e a tavola è altissimo.

A ciò si aggiunge che, nonostante l'appartenenza a marche differenti, i prodotti confezionati contengono quasi sempre i medesimi ingredienti. Biscotti, cracker, merendine, fette biscottate e simili riportano solitamente in etichetta farina di frumento, sale, grassi vegetali più o meno saturi o idrogenati, zucchero in qualche forma, latte in polvere, burro, uova, lievito o agenti lievitanti, oltre naturalmente a una pletora di additivi vari (conservanti, coloranti e chi più ne ha più ne metta).

I cibi industriali di cui è ricca l'alimentazione moderna non aiutano a diversificare realmente la dieta.

Pochi rappresentanti di ogni gruppo alimentare


Alimenti tutti uguali al supermercato
Tanti cibi diversi solo
per la confezione, al supermarket.
L'unico cereale che consumiamo è il frumento (o grano che dir si voglia), in tutte le sue varianti: farina, pasta, pane, prodotti da forno vari, fiocchi per la prima colazione. Qualcuno saltuariamente introduce il riso, qualcun altro il mais e in genere le alternative finiscono qui. Perché mai non acquistare con la stessa frequenza anche tutti gli altri cereali e pseudocereali, che sono tanti, altrettanto sani e nutrizionalmente validi?

Ci rimpinziamo di prodotti caseari - latte, formaggi e yogurt, innanzitutto -, che sulle tavole non mancano mai (fosse anche sotto forma di un pezzettino di formaggio a fine pasto o dell'immancabile grattugiata di parmigiano sugli spaghetti), suggestionati da una pessima informazione, scientifica o pseudo-tale, che da anni ci fa credere che latte e derivati siano alimenti irrinunciabili, nonché le migliori fonti di calcio a disposizione. E poi magari trascuriamo l'uovo, proteina perfetta, perché qualcuno non troppo informato ci ha messo in guardia - prendendo una grossa cantonata - dal suo contenuto di colesterolo.


Abusiamo di affettati e insaccati vari, fin troppo presenti nell'alimentazione quotidiana in ragione soprattutto della loro praticità. Peccato che i salumi, tra contenuto eccessivo di nitriti e di sale, andrebbero invece consumati con grande moderazione.

Dimentichiamo invece i legumi, introdotti abitualmente nella dieta solo da pochi, e i semi oleaginosi, di solito temuti perché la frutta secca è ritenuta, a torto, ingrassante e relegati a Natale e ad altre rare occasioni. Perdiamo così nutrienti preziosi e proteine vegetali da alternare a quelle animali (attenzione però a non sopravvalutare il contenuto proteico dei legumi, come spesso fanno vegetariani e vegani).

ChufaMix - Veggie Drinks Maker

E che dire, proprio tra le proteine animali, della carne? Vitello a profusione, talvolta manzo o pollo, ma poco altro. E' forse meno interessante sotto il profilo nutrizionale la carne di tacchino, agnello, cavallo, coniglio, maiale? No, affatto.

Idem per il pesce. Branzino, sogliola e orata vanno benissimo, ma perché non consumare più generosamente anche altre specie, spesso più economiche e persino più salutari, come sardine, alici e altro pesce azzurro? E i crostacei (gamberi, scampi, granchi ecc.)? E i molluschi (seppie, cozze, vongole & C.)? Non sono certo da limitare agli spaghetti allo scoglio ordinati una volta all'anno in riva al mare.
COME CUCINARE IL PESCE AL VOLO - GUARDA IL VIDEO
La semplicissima ricetta del dottor Avoledo per preparare il pesce in modo sano.

Insomma, salvo rare eccezioni, la nostra alimentazione è tutto tranne che varia.

Questa monotonia alimentare provoca almeno due ordini di problemi. Il primo è che ci mette a rischio di carenze di alcuni nutrienti, che sono diffusamente "sparpagliati" tra i viventi e non si trovano certo tutti in uno o in pochi alimenti, animali o vegetali che siano. Il secondo è che la ripetizione per troppo tempo di uno stimolo alimentare rappresentato da cibi appartenenti sempre agli stessi grandi gruppi (latte e derivati, lieviti e cibi fermentati, alimenti contenenti nichel, frumento e cereali correlati, cibi ad alto contenuto di sale ecc.) è la premessa allo sviluppo di intolleranze alimentari e dei tanti disturbi che da queste possono essere sostenuti.

Mangiare sempre i medesimi alimenti porta sia a carenze che a "sovraccarichi".

Settimana scorsa avete comprato pomodori, zucchine e cicoria? Allora in questa buttatevi su carote, melanzane e radicchio. E così per la frutta e ogni altra categoria alimentare. Variate, variate, variate. Davvero. Ripetetevelo come un mantra, la prossima volta che andate a fare la spesa.
PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO
Sai scegliere le uova più sane e nutrienti?
Più legumi in tavola
Frutta a guscio e semi: consumiamoli serenamente
La dieta vegetariana e quella vegana fanno male
Distribuire bene il cibo nella giornata
PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ
Guida alla Corretta Nutrizione American College of Endocrinology
Tecniche Nuove Edizioni
Dieta Gift Dieta di SegnaleAttilio Speciani, Luca Speciani
BUR
I PRODOTTI E I RIMEDI NATURALI UTILI
Fiocchi di Quinoa
Da agricoltura biologica
Primeal
Conchiglie di Kamut 100% Integrale
Da agricoltura biologica
Probios Alimenti
Latte di Mandorla - Almond Mandel Natural - 1l
Naturalmente privo di lattosio, senza glutine
Provamel

RICEVI GIÀ LA NEWSLETTER SETTIMANALE
GRATUITA DEL DR. AVOLEDO?
La newsletter di Luca Avoledo
I TUOI COMMENTI
Commenta con Facebook
Commenta con Google+